DI SPAZI E DI SEGNI - LaZonaNota
16659
post-template-default,single,single-post,postid-16659,single-format-standard,bridge-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-18.0.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

DI SPAZI E DI SEGNI

DI SPAZI E DI SEGNI

  Ascolta: What I am di Edie Brickell and New Bohemians
Uh, bello! Cos’è?
Il logo de La Zona Nota piace, senza dubbio, e – come volevamo esattamente che accadesse – suscita le interpretazioni più diverse.
Volevamo davvero che accadesse così. La Zona Nota è un nome sognato (non metaforicamente, è stato sognato sul serio, ma questa è un’altra storia): lo spazio conosciuto, che ci fa stare bene, dentro e fuori di noi. Un’armonia, una nota, appunto. Con questa idea ho incrociato lo scultore Giacomo Rossi, già autore del bellissimo logo della Casasulmonte Ispra, un posto magico, che (dice la leggenda) Giacomo era riuscito a schizzare, in pochi tratti essenziali, su un tovagliolo di carta, quasi per gioco, in un momento. Volevo che anche per La Zona Nota accadesse così.
Invece Giacomo ha pensato, disegnato, cancellato, girato e rigirato; e abbiamo parlato e ancora lui ha disegnato e disegnato. E poi c’erano queste case, con in mezzo lo spazio. Uno spazio che abbiamo riempito con tanti segni, nessuno dei quali sentivamo essere il nostro. Poi un giorno lo spazio si è illuminato con un segno giallo, ispirato da un acquarello di Georgia O’Keeffe. Il nostro segno, finalmente, quello che fa dello spazio tra le case una zona nota: un albero, un sole, un uomo, una nota al contrario, una lancia…quante immagini lì dentro, quanto ci vede ciascuno dei passanti della Zona!
Un pezzo di sè, nel mondo, in armonia. Come volevamo esattamente che accadesse.
Marta Vinci
Marta Vinci
info@lazonanota.it

Connetto parole, progetti, persone e vivo con tre adolescenti maschi. No, che non m’annoio.